Holiday Blues: superare la tristezza durante le Feste

Le festività natalizie coincidono di norma con un momento di felicità e allegria. Si ha più tempo libero da dedicare a se stessi e ai familiari, per riposarsi, viaggiare e condividere momenti piacevoli con i propri affetti. Ma non per tutti è così: alcune persone avvertono proprio in questi giorni un forte senso di tristezza e desiderio di isolamento. Di norma non occorre preoccuparsi: non si tratta di vera e propria depressione, che nelle sue forme cliniche perdura per un tempo prolungato, ma di quella che gli specialisti americani chiamano Holiday Blues, una forma di tristezza occasionale, che tende a sparire al termine del periodo natalizio. Solo nei casi in cui generi particolare malessere e continui con intensità anche dopo le Feste, può essere utile rivolgersi a uno psicoterapeuta, con cui indagare le cause e risolvere il problema.

Il Natale e la difficile gestione delle emozioni

Per capire come prende forma l’Holiday Blues, è sufficiente osservare alcune dinamiche tipiche del periodo natalizio: durante le Feste le normali abitudini e routine quotidiane vengono interrotte. Alcuni soffrono la solitudine e l’isolamento per dover trascorrere questi giorni da soli o lontano da casa e dai propri affetti. Altri, all’opposto, riscontrano particolare disagio nei momenti di incontro con la famiglia, poiché si ritrovano sopraffatti da troppe attenzioni, alle prese con parenti con cui non vanno d’accordo o non accettati dal nucleo familiare. Trascorrere del tempo con i propri genitori, anche quando si è adulti, può inoltre mettere per un attimo in discussione la propria identità e le proprie certezze.

L’ansia dei bilanci di fine Anno e la sindrome della “promessa rotta”

Altro motivo di ansia e malessere deriva dal fatto che la fine dell’anno coincide con il tempo dei bilanci: si tirano le somme di ciò che si sperava e di ciò che è stato effettivamente realizzato, della propria situazione sentimentale e lavorativa. Mentre la frenesia quotidiana allontana dalla riflessione su di sé, questo momento di pausa porta ad ascoltare ciò che la propria mente e il proprio corpo hanno da dire e non sempre il messaggio è positivo. Chi, ad esempio ha vissuto un recente fallimento sentimentale o professionale è facile che in questi giorni si faccia sopraffare dalla tristezza. Inoltre, chi ripone nelle Feste troppe aspettative e la speranza un po’ infantile che esse risolvano magicamente i problemi, può essere vittima della “sindrome da promessa rotta”, e sentirsi ancora più demoralizzato dopo il periodo natalizio, poiché tutto è tornato come prima.

In questo periodo, ci sono infine fattori biologici e fisiologici che incidono negativamente sull’umore: le ridotte ore di luce, l’alterato ritmo del sonno, i cambiamenti nell’alimentazione dovuti a pranzi e cene particolarmente abbondanti, contribuiscono al senso complessivo di malessere.

Trascorrere un fine anno sereno: meno aspettative e più autostima

Per contrastare il sentimento dell’Holiday Blues, il primo accorgimento consigliato è di limitare le aspettative: non sono i pochi giorni del Natale a far sparire i problemi, né tutti i momenti delle Feste saranno allegri e perfetti. Accettare questa idea aiuterà ad affrontare meglio piccoli inconvenienti che potrebbero accadere e a non aspettare la fine delle Feste per risolvere eventuali situazioni di conflitto. Inoltre, occorre trovare un equilibrio tra ciò che vorrebbe la tradizione e ciò che si vuole personalmente. Partecipare a qualche pranzo o cena in famiglia è importante per non isolarsi troppo in se stessi e per imparare a confrontarsi anche con le persone con cui si ha meno feeling. Ciò non vuol dire necessariamente esagerare: ritagliarsi del tempo per riposare in tranquillità è altrettanto importante, così come dosare il numero di raduni con parenti e amici. Il divertimento o la felicità a tutti i costi sono obiettivi che possono portare delusioni; molto più importante è provare a realizzare ciò che si desidera davvero: giocare di più con i propri bambini ad esempio, leggere, andare al cinema o viaggiare. Un altro modo per vivere meglio il periodo delle Feste è non rivoluzionare troppo le abitudini: alternare il relax a un po’ di movimento all’aria aperta, cercare di riposare le giuste ore di sonno, mantenere il più possibile un’alimentazione leggera ed equilibrata sono piccoli ma utili accorgimenti di supporto al benessere del fisico e della mente.

In generale, è importante ricordare che le Feste di per sé non sono né felici né tristi, molto sta all’atteggiamento individuale. Tuttavia rappresentano un’occasione di riflessione che ciascuno può provare a trasformare in modo positivo o negativo, a seconda delle proprie scelte. Essere consapevoli di cosa si vorrebbe per poterle vivere al meglio, può aiutare a trascorrere questo periodo in modo più sereno.